Share via email
Share on TumblrSubmit to reddit

Mi rendo conto, probabilmente perchè invecchiando divento acida , che tollero sempre meno le perle di saggezza che leggo il giorno successivo a movimenti importanti dei mercati (sempre al ribasso) scritti per trovare giustificazioni a cio’ che è accaduto.

La nuda e cruda realtà, Signori miei, è che come scriveva soltanto ieri mattina Roberto:

http://news.itforum.it/redazione/2013-08/venti-di-guerra.-e-di-business.html

queste sono soltanto ghiotte occasioni per fare soldi, e tanti!

Il movimento al ribasso era già in atto ad esclusione dell’italica borsetta:

http://finanza.leonardo.it/lezione-di-mercati-e-di-vita/

Durante l’attentato delle Torri Gemelle rimasi attonita a guardare il monitor, sconvolta da cio’ che era appena successo senza riuscire a fare nulla.

Poi ho imparato, o se preferite sono diventata piu’ cinica.

L’ 11 settembre 2001  non ha certo dato il via a movimenti ribassiti su mercati sino ad allora impostati al rialzo.

Cosi’ come i problemi successivi al mancato salvataggio di Lehman ,nel 2008, erano stati anticipati da quelli di Bear Stearns a maggio dello stesso anno.

Soltanto ghiotte occasioni.

Vi posto una serie di grafici su vari strumenti dal 2000 al 2009 perchè, lo so, la memoria umana è a breve periodo.

Sp500:

sp500

Nasdaq:

nas

Londra:

londra

Dax:

dax

Eurusd:

eurusd

Tbond:

tbond

Gold:

oro

Oil:

oil

Una nota a parte la merita il Vix: è su questo strumento che in momenti di shock di mercato si fanno i veri soldi, quelli grossi!

vix

 

 

 

>

One Thought on “Si’ certo colpa dei venti di guerra.

  1. Pingback: Idee di trading -parte seconda-

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post Navigation