Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /htdocs/public/www/wp-content/plugins/easy-related-posts/erp_display.php on line 92
Share via email
Share on TumblrSubmit to reddit

Visto che alcuni di voi mi hanno detto avrebbero apprezzato seguirlo, Vi pubblico alcuni cambiamenti del modello Risk on-Risk Off.
Per la prima volta da parecchio tempo, il modello ha segnalato oggi un’entrata su un metallo, il platino.
Da 4 gg ci ha segnalato di rientrare sull’indice Australiano S&P ASX 200.
Ci ha segnalato oggi di rientrare sul CAC 40 Francese.
Dopo 27 gg di cavalcata sul Dollar Index, ha spostato una parte cospicua del “Risk Off” di nuovo sull’immarcescibile BUND Tedesco.
Da 6 gg ( se vogliamo con una certa coerenza con l’Australia, i “driver” principali dei due mercati sono simili) ci ha fatto rientrare sull’Indice Canadese.
Ora, mi e’ necessario dirvi, a terminidi una serie innumerevole di leggi di un numero insano di Paesi, che quanto contenuto qui sopra NON e’ e NON vuole essere un consiglio di investimento, che e’ solo ed ESCLUSIVAMENTE un esercizio intellettuale di analisi di un modello fattoriale , e che qualsiasi azione decidiate di intraprendere e’ solo ed esclusivamente un problema vostro.
Detto tutto cio’, e ribadito che NON e’ e NON VUOLE essere un consiglio di nessun genere, vi pubblico le prime 2 pagine del modello ( ce ne sono altre 43…quindi ovviamente NON e’ completo).

RiskOnOffStrategy2307013

Ora, il discorso legato alla modellistica e all’uso della stessa, era, se ricordate bene, che libera dalle emozioni ( se l’avete testato e ci credete..ovvio), ma ve lo confesso, una scorsa alla lista degli indici long , qualche riflessione ce la induce. Che i metalli e i titoli minerari possono essere un qualcosa da tornare a guardare…e che il bund torna ad essere un’assicurazione valida sulla (remota?) possibilita’ di un break-up dell’euro. Speculare sui “perche’” macroeconomici di un modello…puo’ stimolare discussioni interessanti.

Oppure, se siete come me, vi mettete in posizione e andate a pescare.

Buona giornata…e buon divertimento

>

One Thought on “Proseguendo sul sentiero dell’indovino….

  1. Alain7 on luglio 23, 2013 at 20:29 said:

    Grazie della condivisione,
    interessante già solo le prime 2 pagine!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post Navigation